Sito ECommerce facile e immediato con Digitalya

sito ecommerceSito ECommerce: la tua vetrina online per iniziare a vendere da subito!

Ora più che mai un sito ecommerce è indispensabile per un’Azienda. E’ la vetrina necessaria per superare il limite geografico e fisico della territorialità; per raggiungere clienti nuovi senza il vincolo della prossimità. Il grande cambiamento introdotto dall’uso della tecnologia lo vediamo e lo viviamo proprio attraverso gli acquisti che continuamente – e sempre più naturalmente – facciamo on line. Che sia da smartphone o da web, quando iniziamo a cercare qualcosa, finiamo – quasi sempre – per acquistarla!

Inoltre i difficili mesi della pandemia, mentre eravamo in piena emergenza per il Covid-19, ci hanno spinto in modo quasi naturale a fare acquisti on line. Nell’ultimo decennio, abbiamo imparato a vestirci; a comprare telefonini o tecnologia; a comprare trucchi e accessori, non solo rossetti e ciprie ma anche occhiali da sole; consultiamo le auto (e talvolta firmiamo i contratti di lungo noleggio); acquistiamo le assicurazioni; l’arredo casa con mobili, accessori e suppellettili.

E allora, per un brand, qual’è l’atteggiamento giusto nei confronti di questo mutato panorama socio – economico?

A quali regole emozionali deve rispondere un sito ecommerce 

Ci ritroviamo a volte a dover gestire la richiesta di “trasformare” un vecchio sito vetrina, in un e-commerce. Il passaggio non è così agevole. Spesso, si rende necessario, attivare un nuovo sito, esattamente un sito ecommerce, rispondente alle logiche corrette. Questo accade quando ci troviamo di fronte ad un sito concepito con criteri obsoleti, per il quale neanche un restyling sarebbe sufficiente. 

Iniziamo col dire quali sono gli aspetti che devono assolutamente essere considerati. Partiamo con quelli più “emozionali” e vediamo quali “regole” un buon sito deve rispettare:

  • avere una visualizzazione ottimale su tutti i dispositivi mobile
  • garantire al navigatore una piacevole esperienza durante l’acquisto on line
  • infondere fiducia e fornire tutte le informazioni riguardanti l’azienda e le sue attività
  • fornire un sistema di pagamento affidabile
  • essere di facile utilizzo, occorre considerare che non tutti i potenziali clienti sono esperti di internet
  • essere pratico e consentire all’utente di arrivare alla pagina che desidera con pochi click. Ricordiamo che davanti a delle difficoltà la prima reazione è di abbandonare la navigazione per rivolgersi alla concorrenza

Valutiamo sempre l’aspetto tecnico

Vi renderete conto che questi aspetti sono legati alla sensazione e facilità d’uso che fa il vostro ipotetico consumatore. Inoltre occorre rispettare una serie di requisiti legati alle caratteristiche tecniche:

  • le pagine devono essere ottimizzate per la ricerca. Quindi, oltre all’iscrizione nelle varie directory si rende necessaria una vera e propria strategia SEO. La URL, la densità delle parole chiave, le descrizioni e soprattutto i contenuti, sono da valutare attentamente perché garantiscono una buona visibilità nei principali motori di ricerca;
  • il sito deve essere monitorato. È fondamentale tenere sotto controllo il tipo di navigazione che gli utenti fanno; conoscere, pertanto, il numero degli accessi, la loro provenienza e quali sono le pagine più visitate. È grazie a queste statistiche che si possono comprendere le criticità e trovarne la giusta soluzione;
  • molteplici opzioni di pagamento. Oltre ad aumentare il valore e la credibilità dell’azienda, occorre offrire diverse opzioni di pagamento; questo eviterà di veder “sfuggire” il cliente: carta di credito, rateizzazione o paypal che siano;
  • personalizzazione. Un buon sito e-commerce deve garantire un’esperienza su misura – dedicata al cliente – predisporlo all’acquisto senza obbligarlo a guardare una quantità di prodotti che non gli interessano;
  • opzioni di navigazione. I clienti dovrebbero avere la possibilità di navigare con opzioni differenti; per esempio può essere utile adottare filtri che riducano il risultato e possano ordinarlo per prezzo, popolarità e confronto con altri prodotti;
  • visualizzazione approfondita delle immagini e delle informazioni tecniche. Favorire l’acquisto significa rendere disponibili descrizioni dettagliate, recensioni o foto che favoriscono l’esperienza di acquisto. E così uno zoom, una gallery delle immagini oppure dei contenuti testuali completi e ben scritti danno più fiducia al cliente;
  • cross-selling e up-selling. Entriamo nello specifico: quando il cliente interessato entra nella scheda di un prodotto, è strategico proporgli altri articoli associabili a quello che sta consultando (cross-selling). Così, per incrementare le vendite un altro momento utile è il cosiddetto “check-out”, nel quale gli si presentano altri prodotti che lo possono interessare (up-selling) quando sta terminando l’acquisto;
  • possibilità di commentare i prodotti. Siamo nel tema delle recensioni: chi fa acquisti online si fida molto delle valutazioni fatte da altri clienti (commenti o foto che siano). Per questo si dovrebbe permettere loro di lasciare dei commenti, anzi, invogliarli e portarli a fornire una valutazione o recensione.

L’ importanza delle azioni di social media marketing

Un buon sito di e commerce ha bisogno di essere alimentato con una visibilità che passa anche attraverso altri canali. Abbiamo visto l’importanza del SEO, dell’URL, delle keyword; e ancora dei contenuti, delle recensioni, dei collegamenti che andremo a creare. Ma è necessario “promuovere” il nostro e – commerce anche attraverso altri canali: ad esempio, google adwords e i canali social. 

Il coinvolgimento dei propri follower risponde ad una strategia sempre più utilizzata. Questo consente di portare traffico e volume sul proprio e commerce. Lo raccontiamo con un esempio: una sponsorizzata Facebook o Instagram nella quale ci imbattiamo durante la nostra quotidiana attività di scrolling attira la nostra attenzione; vediamo un vestito, quel paio di scarpe oppure quel telefonino e – il fine è proprio questo – clicchiamo su quel post e finiamo direttamente su quel preciso store on line.

L’integrazione con i social è uno dei percorsi ricorrenti per indurre le persone ad acquistare. Anche perché partono da un momento di relax, in cui sono “mentalmente disarmate” o per lo meno, non sulla “difensiva”. Si ritrovano così catapultate in uno store dove, sempre durante quel momento di relax, possono guardare, confrontare, immaginare, scegliere e … acquistare. Sono in quel “momento di vuoto” in cui possono essere indotte all’ acquisto se tutte le condizioni di fruibilità e facile accessibilità al sito e – commerce sono rispettate. 

E’ essenziale – come scrivevamo prima – che la vetrina online abbia, a questo punto, tutte le carte in regola per rendere facile, intuitiva e con pochi click l’ esperienza di acquisto sul sito.

Il momento della promozione

Essere presenti su Google aiuta nel momento della ricerca; consente di scavalcare la concorrenza. In questo caso ci troviamo in una fase diversa. Risponde infatti, al momento in cui un utente è già alla ricerca di qualcosa. Ad esempio, la sua query è legata alle calzature, nello specifico alle sneakers. Ed ecco che, grazie alla nostra campagna, ci ritroviamo ad essere tra i primi nei motori di ricerca. A questo punto dobbiamo curare altri aspetti: la descrizione, la o le foto, le recensioni. Il nostro utente inizia a fare dei confronti con i nostri competitor. Visita il nostro store; legge i commenti, vede – ovviamente – i prodotti e cerca di capire cosa dicono di noi. Valuta se e come rispondiamo alla nostra community, se la nostra azienda è “attiva”. La promozione su Google ci aiuta ad avere visibilità nel momento in cui qualcuno sta già cercando il nostro prodotto o servizio. Siamo, infatti, in una fase differente rispetto a quella vista poc’ anzi.

Cosa ti aspetti dal tuo sito ecommerce?

Qui siamo di fronte al vero momento determinate del nostro programma. E’ il punto di partenza per ogni nostro progetto, per ogni nostra attività legata alla realizzazione del vostro negozio on line.

Talvolta (questo accade nella maggior parte dei casi) lo store on line nasce dall’esigenza di estendere uno spazio fisico che viene affiancato da uno spazio virtuale. Risponde alla necessità di poter vendere online quello che non si riesce a vendere in negozio. Aprirsi ad un mercato virtuale, infatti, consente di raggiungere nuovi target, delle nicchie o delle persone che vivono anche dall’altra parte del mondo. E’ come se non mettessimo vincoli alla possibilità di vendere. (A tal proposito occorre evidenziare che l’ unico vincolo è soltanto nel budget e nelle modalità che scegliamo per promuovere il nostro negozio on line.)

Che significa?

Semplicemente che per poter vendere anche on line, oltre a tutti gli aspetti tecnici ed emozionali che abbiamo trattato in questo articolo, è necessario promuovere la nostra attività. E per farlo, è necessario dedicare del budget e calendarizzare e programmare le attività di promozione. Diviene basilare programmare campagne Social e / o Google per “far sapere” che il nostro brand è on line. In questo caso il budget destinato a queste azioni diventa determinante. Talvolta, per promuovere un sito, si rendono necessarie azioni ben impostate economicamente e di lungo periodo. 

Tutte le attività SEO, le attenzioni collegate alle keyword, ai contenuti, ecc ecc, devono poi essere supportate economicamente. Come dire, non si hanno i costi fissi di canone, utenze, personale e via dicendo, ma gli investimenti in promozione e visibilità devono comunque essere programmati ed effettuati.

Il vantaggio

Innegabile (come dicevamo all’inizio e come più volte abbiamo ripetuto in questo o in altri nostri articoli) è quello di poter raggiungere nuovi target, nuovi clienti, nuove nicchie.

Ma, a questo punto, non è più il caso di indugiare … e voi state già pensando a quale prodotto vendere e a quale potrebbe essere la vostra vetrina on line? Non vi resta che contattarci!